Giro d’italia 2008

c15196b5d19c9eb8b3917f302190fe9e.jpg52096374416ff10410bade506fda4ccb.jpgMai dare retta agli amici (o almeno non sempre). Ieri avevo tre biglietti (gratis) per vedere la presentazione del Giro d’Italia 2008; grandi ospiti al teatro degli Arciboldi a Milano. Io invece ho dirottato le mie energie sparandomi 190 km di macchina per vedere la partita di calcio più brutta del secolo….Milan-Juventus di cui vi faccio una breve cronaca: zero tiri, zero emozioni, zero tifo, pioggia e 30 euri per un terzo anello blu. Lasciamo stare:)

Tornando al Giro, l’edizione 2008 si presenta la meno dura degli ultimi anni anche se come diceva il buon De Zan “la corsa la fanno i corridori e non il percorso”. Una prestigiosa partenza da Palermo e via via risalendo lo stivale. Si potrebbe dire che questo è un giro d’italia nel senso stretto della parola in quanto geograficamente non viene tralasciato nulla del bel paese come invece di solito accade. Più cronometro (tre individuali, ed una a squadre per un totale di 101,5 km), quattro arrivi in quota (Pampeago, Fedaia/Marmolada, Plan de Corones e lo sconosciuto Monte Pora), ed una decina di tappe per velocisti. Il clou come al solito l’ultima settimana dove l’unica tappa tranquilla è la Mendrisio-Varese, chiaro omaggio alle città che ospiteranno i mondiali 2008/2009. Il classico arrivo a Milano quest’anno è dettato dal cronometro (per la 12a volta); come non ricordare Verona 1984 quando Moser,quando proprio all’ultimo giorno riusci letteralmente a scucire di dosso la maglia rosa a Fignon. Speriamo in un finale triller come allora.

Appuntamenti da non perdere: 10 maggio con un bel cannolo siciliano in bocca e occhio al 25 con la Marmolada ed il 26 cla crono in salita di Plan de Corones (punte del 24% per cui serve un piccone più che una bici). Buon divertimento e buon giro a tutti:)

Giro d’italia 2008ultima modifica: 2007-12-02T16:30:00+01:00da previtonso
Reposta per primo quest’articolo