Spinning? Why be normal…

Spinning……una vera bestemmia per molti appassionati di ciclismo. Io non la penso esattamente così (e mica perchè mi paro con Surya, mia postatrice di commenti che mi ha illuminato sulla creazione di questa sezione).

24795f7cfcfedb4af679030308eb61a5.gifLo spinning  per il ciclista classico rappresenta  la modernità, il nuovo che avanza e che quindi  fa paura…la vedono come  la versione  indoor del ciclismo, buona solo per  far perdere peso  in fretta alle donzelle….poca passione e tanto utilitarismo in chi lo pratica.  Come molte cose nella vita anche Ciclismo e Spinning sono diversi e tra due cose diverse non dovrebbe esserci antitesi. Qualcuno di buona volantà potrebbe riempire il vuoto di Wikipedia su questa voce.     

“Nato come preparazione in luoghi chiusi per il ciclismo su strada subisce un’evoluzione tecnica grazie al personal trainer di Los Angeles Johnny G. (la G sta per Goldberg il suo cognome).”

La lezione si svolge in gruppo, con la guida di un istruttore che, pedalando anch’egli, detta i ritmi di pedalata.Il programma Spinning è attuato da Istruttori certificati come Johnny G Spinning Instructor – JGSI -.

Si porta idealmente il ciclista in un immaginario viaggio in cui la concentrazione e il coinvolgimento facilitano la mente nell’alleviare il senso di fatica in modo da aumentare le personali capacità fisiche.Il ritmo della musica e la “resistenza” della bicicletta vengono variati per accompagnare delle immaginarie variazioni del percorso. In salita si utilizzano ritmi lenti con un aumento di resistenza della bike; la pedalata risulterà lenta e faticosa. L’istruttore guida l’allenamento cercando di ottenere il massimo dai pedalatori (detti spinmen).Ognuno tirerà fuori la propria grinta, ma conoscerà ancor meglio i personali limiti e la capacità di accettarli.Il pedalalatore ha la possbilità di regolare autonomamente la resistenza, e quindi la difficoltà del percorso, secondo le personali capacità e il proprio grado di allenamento.Le lezioni hanno una durata di circa un’ora e producono un ottimo allenamento con un altissimo dispendio calorico migliorando non solo la potenza e la capacità lattacida ma anche il lavoro degli apparati cardio-circolatorio e respiratorio.

I pregi dello spinning: forza mentale, rilassamento, coordinamento, completezza (uso del respiro e degli arti superiori), musica, praticabiltà in ogni stagione e possibilità di creare spirito di gruppo.

I difetti dello spinning: non si riproduce lo stesso effetto della bicicletta (il vento in faccia è qualcosa che non si può replicare), istrutture poco buono…no party (il valore aggiunto del trainer è essenziale per uno sport che si svolge al chiuso e statico), paesaggisticamente parlando io sto sul lago maggiore….e nessun gazzebo con 30 bici riesce a rappresentare il paesaggio.

Cacchio io spinning l’ho fatto qualche anno al Cila Club a Laveno Mobello…erano avanti anche se pagavo una cifra. Basta devo riprendere con lo sport, running e calcetto vanno integrati:)

Spinning? Why be normal…ultima modifica: 2007-10-18T18:28:33+02:00da previtonso
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Spinning? Why be normal…

  1. Respiro si…ma arti superiori no…
    Nello spinning(r) gli arti superiori sono la cosa più rilassata di questo mondo…Io ho polpacci da calciatore e braccia moscissime, renditi conto!
    Quando in certe lezioni di indoor cycling, e non spinning…che ha il marchio registrato…(e qui potrei aprire un blog intero) fanno usare le braccia non si rendono conto che tolgono equilibrio e stabilità alla colonna vertebrale…e più di una persona ha fatto il botto! Perchè quelli che pedalano con una gamba sola?…OOOOORRRRRORE.
    Se posso esserti d’aiuto per arricchire la sezione chiedi pure:)

I commenti sono chiusi.