Oil for drug: Mazzoleni 2 anni

e9c8c6a7a36677cd7066c0f19dd60628.jpgEddy Mazzoleni e Domenico Quagliarello sono stati squalificati dalla commissione federale nell’ambito dell’inchiesta Oil for Drug, ‘Oil for drug’, avviata nel 2004 dai Nas di Firenze. Mazzoleni, ritiratosi al termine del giro 2007 (terzo) è stato fermato per due anni, per Quagliarello (ex corridore Ceramica Flaminia) è invece scattata la radiazione. Recidivo. Attendiamo un ulteriore ricorso al Tas, il tribunale arbitrale dello sport a Losanna. Si prevedono tempi duri…Gibilisco docet.

I motivi della squalifica scopriteli su questo ottimo sito Sportpro.it che riporta le intercettazioni e che rivela interessanti particolari per i più curiosi…..di seguito qualche assaggio:

“Ho parlato con Danilo, perché, per domenica, ho fatto 4000 unità in sottocutanea…e io corro sabato, sabato, ci saranno problemi?”;

Mazzoleni sembra preoccuparsi se resteranno tracce della “cura” medica nei giorni a venire. E non è difficile capire di quale prodotto si tratterebbe. Secondo il rapporto dei Nas è eritropoietina. Infatti il seguito del dialogo rivela addirittura che il corridore è in cerca di epo di un nuovo tipo, introvabile in Italia, ma disponibile negli Usa. Probabilmente un’epo più difficile da intercettare nei test attuali. Dice Mazzoleni

“Bisognerebbe farla arrivare tipo in Inghilterra… e mandare una persona in Inghilterra… o in Spagna… e adesso la mia ragazza va su domani a parlare… il ragioniere… se riesce…a…a recuperarlo…perchè questo qua ha detto che si può…si dovrebbe riuscire a…”,

prosegue il corridore rivolto al medico; che, dal canto suo, ribatte

“Sopratutto se non ci riesci per il Giro, per il Tour…”.

I carabinieri osservano:

Mazzoleni e Santuccione parlano del reperimento dell’epo, verosimilmente qualche tipo particolare non reperibile in Italia, che Mazzoleni sta cercando di reperire negli Stati Uniti: il corridore fa presente che farla arrivare direttamente dagli Usa è troppo pericoloso. Quindi sta studiando il modo di farla entrare nel territorio dell’Unione Europea (in Spagna o in Inghilterra) organizzando poi il trasporto in Italia tramite la sua ragazza o altro personaggio, chiamato “il ragioniere”. Da accertamenti ed attività info-investigativa operata da questo Nucelo si è appreso che Mazzoleni, insieme alla di lui fidanzata, Elisa Basso, sorella del ciclista professionista Ivan Basso del Team Csc (compagno di squadra di Fabrizio Guidi) sarebbe titolare di una società di pubblicità con sede o uffici in Inghilterra. Potrebbe essere questo, quindi, il “veicolo” attraverso il quale far arrivare la roba.

Nel corso della conversazione, durata oltre un’ora, i due parlano anche di altri prodotti dopanti, fra cui l’Andriol, ovvero il testosterone. La registrazione metterebbe in rilievo l’inefficacia dell’antidoping attuale evidentemente incapace di individuare l’epo esogena quando questa è somministrata a piccole dosi. E le cautele maggiori nel cercare di procurarsi prodotti nuovi e meno rintracciabili ai test. In un altro brano dell’intercettazione si parla del lutrelef e di come assumerlo per avere il miglior effetto dopante.

S. “…la bioarginina per farti fa…testosterone…cioè la bioarginina ti serve perchè quando tu… tu ti fai il Lu (lutrelef n.d.r.)…se fai il Lu senza la bioarginina secondo me non ti serve…”
M. “uno giorno gli amminoacidi… poi faccio gli zuccheri…mantengo questa tabella più o meno”.
S. “…mantieni questa tabella, la bioarginina la fai ogni 5-6 giorni…adesso…se tu ti organizzi…”
M. “…no…io sto dicendo di fare questo perchè…”
S. “…no…”
M. “…no… dico… io l’anno scorso non ho fatto niente… però so andato forte… però penso che qualcuno l’avrà fatta…”
S. “si… io so pure che l’ha fatta…”
M. “…se quest’anno…”
S. “…Simoni l’ha fatta…”
M. “…se quest’anno… un attimo… è vantaggio mio no?”
S. “…non la fa
M. “…si’? Dopo il Giro ti do… l’altra rata”.

Oil for drug: Mazzoleni 2 anniultima modifica: 2008-04-10T11:55:00+00:00da previtonso
Reposta per primo quest’articolo